QUANDO SONO NATO


Il giorno quando sono nato
io mi sono ricordato
che non dovevo più dormire
perché era giunta l'ora di partire.

Ma come in un sogno strano
tento e tento sempre invano
alla mia mamma di legarmi
alle sue mani di aggrapparmi.

Ad un certo punto la vedo poi partire
rimango solo, mi metto a vagire
in quel momento mi sono risvegliato
sento che da lei invece ero abbracciato.

HOME  PAGE   FILASTROCCHE