SEI RITORNATO A LAVORARE

No, non recito per te padre
la preghiera de l'eterno riposo
sei stato giÓ troppo a letto
l'ultima parte della tua vita
io spero invece che anche di lÓ
tu abbia ritrovato una vigna
dove andarci a lavorare
dal mattino presto alla sera
un campo di grano da mietere
ed immagino di sentire
i colpi secchi della zappa
fra i filari delle viti
il fruscio della falce
tra le spighe di grano
ed immagino di vedere
il tuo volto rigato di sudore
in un mondo ancora pieno
di luce radiosa, anzi d'oro.

07 maggio 2005

LATRATI   HOME PAGE