TEMPO DI RUVIDE CAREZZE

Il sole generoso ancora
qui a fine ottobre
di luce e di tepore:
le porte tuttora spalancate
le mosche alle pareti soleggiate
i vecchi seduti fuori
si tengono compagnia
i morti concedono ancora
che facciano festa i vivi.
I campi hanno sfumato
il giallo e nero delle stoppie d'estate
ed ora la rucola
coi suoi fiorellini gialli
sulla terra bruciata
splende orgogliosa
insieme alla malva.
Ma arriva il trattore
e di tanta allegria
ne decreta la fine:
bisogna prepararsi
ad ospitare il grano
e con l'aratro stende
le sue ruvide carezze.

TORNA A LATRATI            TORNA ALL'HOME PAGE