U PAIS MIY ... E KE KAZZ! 

 

Ton u' pais' hai abbandunat'

a Banz' non s' chi turnat'!

Mariy accer' ormai s' rass'gnat

a v'd i tapparell' semp' avasciat'

ma ze' P'ppin' stay assay dispiaciut'

a v'd da quant'ann' non s' chi v'nut'

l'oleandr' 'ca 'nnand alla cas' chiantast'

la l'ut'ma vot' ca ancor' turnast'

quann' pass' u' vint' semp' l'addummann'

"dimm' 'na cos' Tonin' che fac' ven' auuann?"

U' matin' sub't' i pass'r' n'sciun' i stay a guard

quann' scenn'n' alla strad' p' sc a b'cc

la lun' alla nott' t' cerc' p' or' e or'

ma no' trov' chi l'amm'rator'

s'ntiss' po' i vers' di latrat'

i can' cum' i fann' rattr'stat'!

dop' d' te chi i stay chi a sent'

... 'ndo cil' i stell' solament'. 

 

Ton e dai p'cch

non t' vu fa chi a v'd

che t' n' frec' d' cert' parint'

u say ca chidd' so tutt' s'rpint'

e quant' po' ai prim' cittadin'

mann'l' a cac sub't d' matin'. 

 

Ton a Banz aia turn

u'sai ca t'stann'asp'tt

abbasc' o' campsant'

mamma toy e dattant'

fatt'avv'd ammont'

alla vianov' o' pont'

o' vosc' alla chiazz'

... e ke kazz! 

 


Questa poesia costituisce un'appendice poetica alla pagina "Un paese vuol dire" e mi stata ispirata, meglio provocata, dall'espressione usata da Antonio Nicastro a conclusione del suo post letto casualmente sul quotidiano on line Basilicata 24.it.

Nicastro, questa la seconda, anzi terza, poesia che scrivo traendo spunto da qualcosa messami sotto il naso da te. Basta che, quando sar, non mi chieda delle compartecipazioni nelle royalties. Altrimenti sai che ti dico? E ke kazz!

15  gennaio 2012

LATRATI  HOME PAGE